Le novità in materia di discariche dopo il D.lgs. 121/2020

Articoli

di Giacomo Betti


Il 3 settembre 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il tanto atteso Decreto-Legislativo n. 121/2020, il quale recepisce la Direttiva 2018/851 in materia di discariche.

Le novità europee, invero, spingono verso una drastica riduzione dei rifiuti avviati a smaltimento in discarica, nell’ottica della prevenzione della produzione di rifiuti e della spinta alla preparazione per il riutilizzo e al riciclaggio al centro di tutte le disposizioni del “pacchetto economia circolare”.

In quest’ottica il decreto di recepimento modifica il vetusto D.lgs. 36/2003, unica normativa nazionale sulle discariche.

Tra le novità di maggior rilievo spiccano la previsione del limite del 10% al 2035 dei conferimenti in discarica come il divieto al 2030 dello smaltimento in discarica di tutti i rifiuti idonei al riciclaggio o al recupero di altro tipo. Ma non solo. Viene, inoltre, disciplinata la caratterizzazione di base e la verifica di conformità, vengono introdotte regole più puntuali per lo smaltimento dei rifiuti nelle discariche per rifiuti inerti, per rifiuti non pericolosi e per rifiuti pericolosi, viene rivisto il procedimento autorizzatorio, nonché le norme per la verifica in loco. Infine vengono ritoccate anche le disposizioni sulla procedura di chiusura e sulla gestione post-operativa della discarica.


ACCEDI PER LEGGERE