L'obbligo dei rivenditori di oli di installare un impianto di stoccaggio

Descrizione

Gli oli usati – siano essi provenienti dal motore delle nostre auto, dalle lavorazioni industriali o dalle cucine di case o ristoranti - possono essere altamente inquinanti se vengono impiegati impropriamente o se vengono smaltiti in modo scorretto.

Una corretta gestione delle attività di smaltimento recupero e trattamento degli oli esausti e il rispetto degli obblighi previsti dalla legge sono dunque indispensabili per prevenire gravi danni all’ambiente.

In particolare, la normativa di settore pone in capo ai rivenditori al dettaglio di oli e fluidi lubrificanti per motori l’obbligo di mettere a disposizione della propria clientela un impianto attrezzato per lo stoccaggio dell'olio usato e, benchè la disposizione in esame possa sembrare chiara, sul punto è stato necessario l’intervento della Corte di cassazione.

Il Collegio è stato invero chiamato a pronunciarsi sull’applicabilità dell’obbligo in questione non solo a coloro che effettuano la sostituzione degli oli esausti (come le pompe di benzina) ma anche a coloro che non se ne occupano affatto (come i supermercati).

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contattata il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI