I SOA e la loro classificazione: la recente pronuncia della Cassazione

Descrizione

Come noto, con l’acronimo SOA si intendono gli scarti di origine animale i quali sono espressamente disciplinati dal Regolamento n. 1069/2009.

Ma tali materiali sono da considerarsi tout court come sottoprodotti o possono essere classificati come rifiuti?

Sul punto si è pronunciata la Corte di Cassazione nella recente sentenza n. 33088 del 2021 nell’ambito della quale, allo scopo di configurare il reato di traffico illecito di rifiuti, ha delineato ancora una volta i profili e i limiti di applicabilità della normativa di specie sugli scarti di origine animale.

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contattata il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI