Ancora un intervento sulla responsabilità nella gestione dei rifiuti: il legislatore aggiusta nuovamente il tiro e il certificato scompare

Descrizione

In questo periodo pandemico il legislatore ambientale è stato particolarmente attivo intervenendo sul Testo Unico Ambientale, dapprima per allineare la legislazione nazionale a quella comunitaria e poi ancora per aggiustare il tiro rispetto a disposizioni poco centrate.

Riflettori puntati sul documento scomparso dal 188: prima certificato, poi attestazione di avvenuto smaltimento, per un po’ attestazione di avvio a smaltimento o recupero, ora parzialmente scomparso.

In vigore dal 31 luglio scorso l’art. 35 della legge 108 del 29 luglio, che ha convertito il DL 77 del 31 maggio 2021 ha espressamente attribuito la responsabilità̀ per il corretto smaltimento dei rifiuti, al soggetto che effettua le operazioni intermedie di smaltimento.

Contestualmente la novella, con le modifiche apportate in sede di conversione, ha espunto dal quinto comma del 188, ogni riferimento al variamente nominato documento di attestazione dello smaltimento.

Il documento, da ultimo ribattezzato comunicazione di avvenuto smaltimento, compare ora solo nel secondo periodo del 188 e nel 188-bis tra gli elementi che saranno disciplinati “domani” dal decreto attuativo del R.E.N.T.Ri.

Cosa deve pretendere quindi il produttore, oggi, per andare esente da responsabilità?

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contattata il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI