La nuova definizione di rifiuti urbani

Descrizione

Il D. Lgs. 116/2020 ha rivoluzionato la nozione di rifiuti urbani di cui al Codice Ambientale, specie sotto il profilo di quelli che eravamo abituati a definire come rifiuti assimilati agli urbani.

Invero, si assiste oggi ad una sostanziale assimilazione ex lege dei rifiuti esitanti da talune attività non domestiche – senza limiti quantitativi – ed all’abrogazione dei poteri comunali di assimilazione.

L’indiscutibile estensione della nuova nozione di rifiuti urbani ha portato con sé già prima che   il testo della riforma fosse definitivo consistenti dubbi interpretativi ed applicativi.

L’articolo ricostruisce l’evoluzione normativa avutasi in materia di rifiuti urbani, passando  in rassegna le principali problematiche emerse, con particolare riferimento agli obblighi di conferimento al gestore del servizio pubblico, alla qualificazione dei rifiuti esitanti da attività indu- striali ed alla Tassa sui Rifiuti (TARI).

Si ricorda che le modifiche in commento saranno in vigore a partire dal 1° gennaio 2021.

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contattata il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI