I rifiuti derivanti dalla manutenzione

L'attività di manutenzione comporta che il rifiuto venga prodotto in luoghi inevitabilmente diversi dalla sede o il domicilio del manutentore, e cioè dove lo stesso ha la propria unità locale.

Questa peculiare attività pertanto ha comportato la necessità, per il legislatore, di prevedere delle norme derogatorie per il deposito temporaneo, il quale però non ha specificato né le modalità gestionali, né le regole della movimentazione del rifiuto presso la sede o il domicilio, né le prescrizioni relative alla tracciabilità.

Nel tempo pertanto si sono succedute e confrontate diverse teorie sul punto che hanno trovato frammentata e a volte fantasiosa applicazione su tutto il territorio nazionale, con gravi implicazioni per le aziende manutentrici, esposte ad un elevato rischio sanzionatorio derivante dall'inaccettabile incertezza normativa.

Con il presente corso si tratteranno quindi le principali deroghe normative previste dal Codice dell'Ambiente e si ricostruirà la filiera del rifiuto da manutenzione alla luce dei principi per una corretta gestione dei rifiuti.

L'attivazione del corso è subordinata al raggiungimento del numero minimo di iscritti.

Date in programma

*ONLINE*, 10 OTTOBRE 2019

Online
16:30 - 18:00

Programma del corso

  • La nozione di luogo di produzione
  • La nozione di manutenzione
  • La nozione di sede o domicilio
  • Le norme sulla manutenzione previste dal TUA
  • La movimentazione derogatoria e la sua tracciabilità
  • Teorie a confronto

SELEZIONA L'EDIZIONE DEL CORSO

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

99,00 €+ IVA

IN AZIENDA

Vuoi seguire questo corso presso la tua azienda?
RICHIEDI UN PREVENTIVO

CORPO DOCENTE