Deposito temporaneo e attività da manutenzione

SELEZIONA L'EDIZIONE DEL CORSO


Quota di partecipazione al corso:

 199,00 €+ IVA

Condizioni particolari per l'acquisto

Ex corsisti di Ambiente Legale: sconto del 10% sul totale

Iscrizione di gruppo (2 persone o più): sconto del 10% sul totale

Prenota prima: sconto del 20% sul totale
per iscrizioni entro 30 giorni dalla data di inizio del corso e contestuale pagamento

Aula da definire in relazione al numero degli iscritti ma comunque prossime alla stazione ferroviaria e facilmente raggiungibili in auto

“Principi e definizioni”
  • Introduzione normativa
    • La disciplina comunitaria
    • La disciplina nazionale
    • I Decreti Ministeriali
    • Le prassi, le circolari e i manuali operativi
  • I criteri di priorità nella gestione dei rifiuti: la gerarchia
  • Le Definizioni – Art.183 TUA
    • Rifiuto
    • Rifiuto pericoloso
    • Rifiuto organico
    • Produttore di rifiuti
    • Il Detentore dei Rifiuti
    • Intermediario
    • Commerciante
    • Preparazione per il riutilizzo e i centri di riuso: il confine
    • Recupero
    • Confini tra recupero e riutilizzo
  • Sessione Problem Solving

 “Deposito temporaneo e attività da manutenzione”

  • Deposito Temporaneo
    • Definizione Art. 183, lett.bb)
    • Le condizioni
      • 1) i rifiuti contenenti gli inquinanti organici persistenti di cui al regolamento (CE) 850/2004, e successive modificazioni, devono essere depositati nel rispetto delle norme tecniche che regolano lo stoccaggio e l’imballaggio dei rifiuti contenenti sostanze pericolose e gestiti conformemente al suddetto regolamento
      • 2) i rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore dei rifiuti: con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga complessivamente i 30 metri cubi di cui al massimo 10 metri cubi di rifiuti pericolosi. In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi il predetto limite all'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno
      • 3) il “deposito temporaneo” deve essere effettuato per categorie omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute
      • 4) devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura delle sostanze pericolose
      • 5) per alcune categorie di rifiuto, individuate con decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministero per lo sviluppo economico, sono fissate le modalità di gestione del deposito temporaneo
    • Le condizioni tecniche del deposito temporaneo
  • Le attività da manutenzioni Artt. 230 e 266 DLgs. 152/2006
    • Le nuove definizioni a seguito del DLgs. 125/15
      • Il produttore giuridico (Committente)
      • Il produttore materiale (Esecutore)
      • Il detentore
    • Manutenzioni ordinarie (Art. 266 comma 4)
      • I rifiuti
      • Le regole derogatorie
      • Luogo di produzione
      • Trasporto e Movimentazione verso la “sede” o “domicilio”
    • I rifiuti derivanti da assistenza sanitaria (Art. 266 comma 4)
      • Le Definizioni
      • La classificazione dei rifiuti sanitari
      • Il deposito temporaneo dei rifiuti sanitari a rischio infettivo
      • L’attività di assistenza sanitaria
      • La movimentazione derogatoria
    • Infrastrutture a rete (Art. 230 comma 1)
      • Luogo di produzione
      • La raccolta
      • Rifiuti da manutenzione del gestore erogatore di pubblico servizio
      • La valutazione tecnica e il luogo di concentramento
      • Il Trasporto e la Movimentazione verso la sede
      • Come si riconoscono le unità locali
    • Manutenzione delle reti fognarie (Art. 230 comma 5)
      • Il produttore
      • Il luogo di produzione
      • La movimentazione verso la sede del manutentore
    • Sessione Problem Solving

DATE IN PROGRAMMA

Aula da definire in relazione al numero degli iscritti ma comunque prossime alla stazione ferroviaria e facilmente raggiungibili in auto

BOLOGNA, 05 APRILE 2018

Studio Legale Carissimi - De Vergottini - Via Santo Stefano 16
09:30 - 13:30

ROMA, 10 APRILE 2018

Best Western Premier Hotel Royal Santina - Via Marsala 22
09:30 - 13:30

CORPO DOCENTE