Terre e rocce da scavo, sottoprodotti nel rispetto delle condizioni

Descrizione

Cass. pen., Sez. III, sent. del 14 ottobre 2022, n. 38864

In tema di gestione dei rifiuti l’applicazione della disciplina sulle terre e rocce da scavo, nella parte in cui sottopone i materiali al regime dei sottoprodotti e non a quello dei rifiuti, è subordinata alla prova positiva della sussistenza delle condizioni previste per la sua operatività, in quanto trattasi di disciplina avente natura eccezionale e derogatoria rispetto a quella ordinaria.
È quanto stabilito dal Consiglio di Stato, con la sentenza n. 38864/2022, con il quale conferma l’orientamento ormai costante circa la corretta qualificazione delle terre e rocce da scavo.
Gli Ermellini, così, respingevano il ricorso presentato dal legale rappresentante di una ditta che svolgeva, senza la necessaria autorizzazione, un’attività di recupero di rifiuti speciali non pericolosi, ossia lo stoccaggio di ingenti quantitativi di terre e rocce da scavo e di rifiuti misti derivanti dall’attività di costruzione e demolizione, in violazione anche della destinazione urbanistica del sito.

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI