TAR Liguria, Sez. I, del 3 marzo 2022, n. 173

Descrizione

Il provvedimento autorizzatorio unico regionale (PAUR) ex art. 27 bis T.U.A. - anche laddove trovi applicazione l’art. 208 T.U.A. sull’autorizzazione unica degli impianti di trattamento dei rifiuti - deve essere conforme agli strumenti di programmazione in materia di rifiuti, pena la sua illegittimità.

Questo è il principio che emerge dalla sentenza n. 173 del 3 marzo 2022 del TAR Liguria in un caso relativo all’autorizzazione unica di un impianto di smaltimento e recupero della frazione organica del rifiuto solido con produzione di biometano.

Il Collegio ricorda che, relativamente alla localizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti, la vigente disciplina normativa coinvolge le regioni e le province. Gli strumenti settoriali di programmazione sono costituiti, quindi, dal piano regionale di gestione dei rifiuti, dal piano d’area provinciale e dal piano d’ambito.

Non essendo previsto da alcuna disposizione - segnatamente dagli artt. 27 bis e 208 T.U.A. - che il provvedimento autorizzatorio unico possa operare con efficacia di variante agli atti di programmazione in materia di gestione dei rifiuti, “è evidente che la compatibilità con i criteri localizzativi previsti dagli strumenti suddetti costituisce condizione di legittimità degli atti che autorizzano la realizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti”. LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI