Rilevanza della ripetizione della condotta per l’integrazione del reato di discarica non autorizzata

Descrizione

Cass Pen. Sent. 30 Maggio 2022 n. 21029

Non è necessario, ai fini dell’integrazione dei reati di cui agli articoli 255 TUA (abbandono di rifiuti) e 256 TUA (Attività di gestione dei rifiuti non autorizzata), che vengano effettuate attività preliminari o posteriori all’accumulo di rifiuti. Il loro sversamento, infatti, è sufficiente ad integrare gli estremi delle fattispecie quando la condotta risulta essere stata ripetuta nel tempo.

È quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la pronuncia del 30 maggio 2022, n. 21029, nella quale i giudici sottolineano che l’abitualità dell’azione, ai fini della rilevanza sanzionatoria, deve aver causato la trasformazione di una determinata area in un deposito, in considerazione dello spazio occupato e della mole di rifiuti abbandonatevi. Non ha alcuna rilevanza, dunque, che in concreto non vengano poste in essere attività di gestione o stoccaggio dei suddetti. LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI