Registro di c/s: sono vigenti i modelli del ’98, la conferma della Cassazione

Descrizione

Cass. civ., Sez. II, ord. del 10 ottobre 2022, n. 29403

Le modalità di compilazione dei registri di carico e scarico e dei formulari di identificazione dei rifiuti saranno definite con appositi decreti ministeriali, i quali saranno in formato digitale per i soggetti obbligati o che sceglieranno volontariamente di iscriversi al registro.
Nelle more dell’adozione, risultano vigenti i DM 1° aprile 1998, n. 145 e n. 148 che disciplinano rispettivamente il modello del FIR ed il modello del registro di carico e scarico dei rifiuti.
La Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 29403/2022, confermando quanto già previsto all’art. 188-bis TUA, respinge il ricorso presentato da un soggetto che non provvedeva alla tenuta dei registri in modalità cartacea.
Al riguardo, stabilisce che, posto che l’entrata in vigore del SISTRI fu solo sperimentale e non valse a sostituire il previgente sistema cartaceo, nonché che il RENTRI non risulta ancora operativo, la società produttrice di rifiuti era (ed è tutt’ora) obbligata a tenere i registri di tracciabilità dei rifiuti in modalità cartacea.

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI