I Criteri ambientali minimi sono disposizioni cogenti

Descrizione

TAR Lombardia, Sez. IV, Sentenza del 4 ottobre 2022, n. 2187

I criteri ambientali minimi individuati dal Decreto CAM, essendo volti al perseguimento degli obiettivi ambientali che la p.a. è tenuta a raggiungere, vanno tenuti in considerazione anche in sede di stesura dei documenti di gara con riferimento all’applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Stando così le cose, secondo i giudici del TAR Lombardia, le suddette disposizioni non hanno natura meramente programmatica, ma pongono in capo alle stazioni appaltanti veri e propri obblighi cogenti.

Le clausole ambientali minime, dunque, non costituiscono una “dichiarazione d’intenti” della stazione appaltante, ma dei veri e propri obiettivi da raggiungere, che, come tali, vincolano sia la pubblica amministrazione, che l’appaltatore.

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI