Waste to chemical: due piccioni con una fava

Descrizione

di Daniele Carissimi


Oggi più che mai l’Italia e l’Europa si trovano a dover affrontare e gestire in poco tempo gli effetti collaterali di una
transizione energetica tanto necessaria quanto complessa e costosa dal punto di vista sociale, economico e ambientale. L’Italia è infatti uno dei Paesi in Europa con la più alta dipendenza energetica dall’estero e il cui fabbisogno è soddisfatto per la maggior parte da fonti fossili, nonché uno degli Stati che fatica a raggiungere gli obiettivi di riduzione della produzione di rifiuti e smaltimento in discarica funzionali alla transizione verso modelli di economia circolare fissati a livello unionale.

Di fronte a queste due importanti sfide viene dunque spontaneo chiedersi se vi siano strumenti in grado di contribuire al contempo agli uni e agli altri obiettivi, in una logica win win che accompagni l’evoluzione della società verso modelli di produzione e consumo sostenibili.

Nel presente contributo si analizzeranno le potenzialità e i limiti di strumenti come la termovalorizzazione e la tecnologia waste to chemical, nonché la loro compatibilità con la normativa europea e, in particolare con il principio del DNSH (Do no significant harm), il cui rispet- to è indispensabile per beneficiare delle risorse che l’Unione europea mette a disposizione per affrontare le importanti sfide che ci attendono.

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI