Rifiuti urbani indifferenziati a seguito di trattamento meccanico: intervengono la Corte di Giustizia e il MITE

Descrizione

I rifiuti urbani indifferenziati classificati al CER 19 12 12 a seguito di un trattamento meccanico destinati a operazioni di recupero energetico devono essere considerati, sotto il profilo gestorio, alla stregua di rifiuti urbani non differenziati provenienti dalla raccolta domestica.

A dirlo è stata la Corte di Giustizia, nella causa C-315/20, in materia di spedizioni transfrontaliere di rifiuti, con una pronuncia che mira a far prevalere la natura sostanziale dei rifiuti a discapito della loro classificazione formale in conformità al CER.

Sul punto, è recentemente intervenuto anche il Ministero della Transizione Ecologica, adito con interpello ambientale, che lo scorso marzo ha chiarito che i rifiuti urbani indifferenziati sottoposti a trattamento meccanico mantengono una natura urbana, precisando però che ciò rileva esclusivamente ai fini dell’applicazione dei principi di autosufficienza e prossimità.

Il presente contributo mira quindi ad esaminare la portata di questi recenti interventi, per cercare di capire quali saranno i futuri scenari applicativi.

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI