Responsabilità 231 e sicurezza sui luoghi di lavoro

Descrizione

Cassazione penale, sez. III sentenza 26 maggio 2022, n. 20559

Cinque lavoratori perdono la vita durante le operazioni di pulizia di tank containers adibiti al trasporto di zolfo fuso. 

Il rovinoso evento viene imputato al rappresentante della società subappaltante, al quale viene contestato il reato di omicidio colposo plurimo con violazione delle norme antinfortunistiche, per aver affidato in subappalto i lavori di pulitura di tank containers contenti sostanze pericolose ad una ditta priva dei correlati titoli abilitativi, con l’aggravante di aver omesso di averla resa edotta sugli specifici rischi, in palese violazione delle norme sulla salute e sicurezza dei lavoratori.

Il descritto contesto offre ai giudici di legittimità l’occasione per illustrare le responsabilità del datore di lavoro nel contesto della prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro, nonché di ripercorrere alcuni dei fondamentali principi di matrice giurisprudenziale in materia di responsabilità 231.

    

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI