Le regole di etichettatura in materia di Made-in: il quadro di riferimento

Descrizione

di Valentina Felisatti

L’etichettatura delle merci mira a soddisfare il desiderio di conoscenza di chi legge, tipicamente del consumatore, e può investire: il contenuto della merce, l’origine del prodotto, le modalità di smaltimento dello stesso, la composizione degli imballaggi (tematica, quest’ultima divenuta oggetto di particolare attenzione da parte del legislatore con le nuove regole sull’etichettatura ambientale degli imballaggi).

Soffermandoci sull’origine delle merci, l’inserimento di indicazioni circa il Paese di origine del prodotto può essere conveniente anche per il produttore, interessato a far valere un determinato “Made-in”.

Ma quali sono le regole che presidiano una corretta indicazione di origine? E come si determina l’origine del prodotto? Il presente contributo mira a rispondere a questi interrogativi, attraverso una ricognizione delle regole che tutelano il Made-in Italy.

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI