Il potenziale inespresso degli Accordi di programma nella gestione dei rifiuti

Descrizione

di Daniele Carissimi

L’esigenza di semplificare la normativa ambientale in materia di rifiuti è da tempo presente nel nostro Paese e testimoniata dalle frequenti richieste in tal senso da parte degli operatori del settore e delle loro associazioni di categoria nei confronti delle Istituzioni.

Nel nostro ordinamento, tuttavia, sono già oggi previsti alcuni strumenti che, se utilizzati nel modo giusto e sfruttandone al massimo le potenzialità, potrebbero rappresentare una soluzione ad alcuni dei problemi avanzati, senza che sia necessario l’intervento del Legislatore.

Uno di questi è lo strumento degli Accordi di programma, previsti dall’art. 206 TUA e deputati, tra l’altro, ad introdurre semplificazioni delle procedure in una serie di ambiti direttamente connessi alla gestione dei rifiuti, a patto di non violare la normativa europea e i principi cardine cristallizzati nella Parte IV del Codice ambientale.

Quali sono dunque le potenzialità inespresse di questo strumento?

E quali sono i limiti entro i quali può essere adoperato e le conseguenze – positive e negative – di una sua applicazione su larga scala?

 

LEGGI DI PIÙ

Questo contenuto è consultabile solo se si è sottoscritto un abbonamento CONTENT (oppure un pacchetto OPEN ACCESS o ALL IN)

 VAI AGLI ABBONAMENTI

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Contattaci se hai bisogno di maggiori informazioni su questo contenuto
RICHIEDI INFORMAZIONI
Contatta il nostro servizio clienti ed ottieni in tempi brevi tutte le informazioni necessarie nonché preventivi gratuiti.
Ambiente Legale dalla parte delle aziende.
RICHIEDI INFORMAZIONI