Esame per Responsabile Tecnico: nuovi quiz e prossime date della Verifica di Idoneità

NOTIZIE DAL BLOG, 16/10/2020

Chi è il Responsabile Tecnico e di cosa si occupa?

Il Responsabile Tecnico è, per così dire, all’interno di un’impresa, l’esperto in ciò che riguarda il ciclo di gestione dei rifiuti sia dal punto di vista tecnico-scientifico che con riguardo alla normativa in materia di sicurezza sul lavoro.

Il suo compito è dunque quello di porre in essere azioni dirette ad assicurare la corretta organizzazione nella gestione dei rifiuti da parte dell'impresa nel rispetto della normativa vigente e di vigilare sulla corretta applicazione della normativa.

Dal Decreto Ministeriale 120 del 2014, e con le successive Delibere attuative dell'Albo, il ruolo del Responsabile Tecnico ha cambiato i connotati ed è diventato sempre più centrale e determinante nella gestione dell'iscrizione all'Albo Nazionale per cui lo stesso viene nominato.

In primo luogo, vi è uno sbarramento all'ingresso a tale incarico.

Infatti, coloro i quali vogliono diventare responsabili tecnici devono superare un arduo esame volto a verificare le competenze del candidato in tutte le materie del settore ambientale e non solo. Ulteriormente gravosi sono i compiti, così come enucleati, da ultimo dalla Delibera n. 1 del 2019.

A ciò deve aggiungersi la necessità, per coloro che svolgono tale incarico, di rimanere sempre aggiornati sulla norma normativa ambientale che, come è noto, è costantemente in evoluzione e che, in questo particolare momento storico - a causa del recepimento delle quattro Direttive europee del Pacchetto Circular Economy - è stata profondamente modificata.

In cosa consiste la Verifica di Idoneità e quando si svolge?

L’esame che devono sostenere coloro che vogliono assumere la qualifica di Responsabile Tecnico consiste in una Verifica di Idoneità composta da tantissime domande a risposta multiple scelte da una banca dati di quiz forniti dal Ministero e si divide:

  • in un modulo obbligatorio per tutte le categorie dell’Albo;
  • in un modulo specialistico relativo alla raccolta e al trasporto dei rifiuti per le categorie1, 4 e 5;
  • e, infine, in un ulteriore modulo specialistico relativo all’intermediazione e commercio.

Le norme sul trasporto dei rifiuti urbani, si intrecciano infatti con quelle relative al trasporto dei rifiuti pericolosi e non pericolosi, nonché con quelle generali sul trasporto di cose su strada con autoveicoli, rimorchi, semirimorchi, trattori.

Inoltre, l’acquisto per la successiva rivendita di rifiuti e la disposizione del recupero/smaltimento dei rifiuti per conto terzi, si connotano di nozioni ulteriori, anche alla luce della normativa europea.

Quanto al calendario delle prossime date fissate dal Comitato Nazionale dell’Albo dei Gestori Ambientali nelle diverse città italiane – Covid-19 permettendo - è il seguente:

  • Ancona, 26 novembre 2020
  • Bari, 1 dicembre 2020
  • Roma, 2 dicembre 2020
  • Cagliari, 2 dicembre 2020
  • Aosta, 16 dicembre 2020
  • Catanzaro, 17 dicembre 2020

 Il segreto per superare l’esame

Ambiente Legale, forte della sua esperienza pluriennale nel settore ambientale, organizza un corso per Responsabile Tecnico mirato ad offrire a coloro che intendono sostenere l’esame:

  • una guida sui compiti/ruoli e responsabilità di Responsabile Tecnico
  • e, al contempo, un percorso per il superamento dell’esame relativo al modulo obbligatorio per tutte le categorie e ai moduli specialistici, al fine di garantire il conseguimento di questa prestigiosa qualifica.

Il corso tratta la materia nei suoi contenuti fondamentali per fornire le conoscenze teoriche di base utili per chiunque operi nella filiera dei rifiuti.

Inoltre, poichè a seguito dell’entrata in vigore dei Decreti di recepimento delle Direttive sulla Circular Economy, con delibera del 5 ottobre 2020, il Ministero dell’Ambiente ha aggiornato la banca dati dei quiz ministeriali, Ambiente Legale ha inserito all’interno del corso laboratori di esercitazione nei quali verranno svolti, assieme al docente, molti dei nuovi quesiti.

Ciò al fine di garantire ai partecipanti tutti gli strumenti necessari per affrontare l’esame con metodo e competenza.